D.P. (Netflix) 1 / Spiegazione del finale

Netflix
Jun-hoIl soldato con un'espressione triste. Dietro di lui c'è il filo spinato.
diverserie.com
Corea del Sud, 2021
ATTENZIONE: SPOILER!

Possibilità

Nella scena finale il soldato An Jun-ho si unisce alle altre reclute per l’addestramento alla marcia, ma anziché seguire gli altri decide di prendere la direzione opposta. Realmente ha deciso di disertare anche lui o simbolicamente è l'inizio di un cambiamento?

Come scritto tra le notizie sulla seconda stagione, il fumetto digitale da cui è tratta la storia è disponibile solo in lingua coreana, quindi non è facile trovare una risposta concreta a questa domanda.

Ma anche se la scena dovesse essere presente nel webtwoon, non è detto che la serie decida di seguire fedelmente i suoi sviluppi futuri.

Parole di soldati semplici e parenti

Quello da cui si può partire sono le ultime parole usate da Cho Suk-bong nella scena prima di sparare a se stesso e le ultime parole di Luffy (l’amico di Suk-bong) nella scena post-credit prima di sparare ai compagni che lo bullizzavano. Prestando attenzione, si può notare che le parole sono esattamente le stesse.

Entrambi dicono Dovrei almeno fare qualcosa.

Al termine della prima stagione, non sappiamo se i due amici siano ancora vivi. Il notiziario della scena post-credit non lo specifica. Chi invece è sicuramente morto è Shin Woo-suk, il primo soldato disertore delle serie. Nella scena subito precedente a quella finale, ritorniamo con la mente alle vicende del primo episodio.

Visitando il luogo dove ora riposa il soldato morto suicida, Jun-ho incontra la sorella di Woo-suk, la quale si chiede come mai nessuno ha fatto niente per impedirlo se tutti sapevano che il fratello era una persona buona ed era vittima di bullismo. Inoltre, poco prima del cambio scena, la sorella si augura che queste cose non succedano più.

Parole del soldato di alto grado

Passano pochi secondi e queste parole sembrano cadere nel vuoto. Il militare che sta addestrando le reclute alla marcia invita i ragazzi a non pensare troppo a ciò che è successo recentemente nella loro base. Tanto il loro servizio militare finirà in men che non si dica.

Sostanzialmente è come se il superiore spingesse i suoi soldati a non far niente. A rimanere ancora una volta indifferenti.

La decisione di Jun-ho

Tutti questi elementi fanno pensare che la scelta di marciare/correre in una direzione corrisponda alla volontà di Jun-ho di non far parte della maggioranza che rimane indifferente continuando a sbagliare, ma di spezzare la catena e volere un cambiamento reale.

E mentre sentiamo il rumore dei suoi passi allontanarsi, in sottofondo c’è la canzone malinconica “Tell a Lie” (di Meego e Primary) che parla di rimpianti.


QUI per una recensione sull’intera prima stagione di D.P.